Cari ragazzi oggi vi presento un piatto storico, disarmante nella sua semplicità ma buono come poche cose ormai restano nella vita di una povera vecchia: stiamo parlando della mitica FAGIOLATA, che anche il mio vecchio amico Terence apprezzava molto ai tempi delle nostre sere insieme, ma questa è un’altra storia!

Questo è un piatto che anche un lobotomizzato potrebbe riuscire ad imitare seguendo la giusta guida, ma solo chi ha una carriera da svuotapentole professionista può sperare di arrivare al fondo di questo piatto che vi farà sudare sette camice e cambiare tre paia di mutande.

Quindi se vi sentite pronti andiamo a vedere gli ingredienti per 4 persone, anche se poi ve la sfonnate da soli brutte bestie che altro nun siete! Ce servono:

 

– 12 sarsicce fresche.

– 250gr di guanciale a fette DA TAGLIARE.

– Un goccio de San Crispino quello “totidè” Rosso.

– 1,5 Lt de passata quella più grezza che trovate (Tipo Cirio passata rustica pe capisse).

– 1,6 kg de fagioli quelli BONI (che se pe na vorta quei 5 euri li spennete pe magnà e no pe favve le canne non s’encazza nessuno!).

-Pane bello casareccio a fette spesse.

 

Mo venimo ar dunque e vedemo come procedere:

 

1) Se sete persone serie e avete preso i fagioli secchi metteteli prima de tutto a rinvenì che ce vo na fracca de tempo ma poi ne vale la pena, so n’altra qualità! Se invece sete dei pesaculo e avete preso quelli pronti noi ve volemo bene lo stesso e ‘r problema nun se pone.

 

2)Piate il guanciale e lo tajate a listarelle belle grezze, quindi senza metteve a fa li scef de sto cazzo, dovete fallo sentì in mezzo a st’orgia de sapori e solo se lo tajate grosso c’avete na speranza de riuscicce!

 

3) Mo pijate la pentola, ma no una quarsiasi, dovete prenne quella pentolaccia sgangherata così grossa che non avete mai avuto er coraggio de tirà fori, quella che ve guarda male dar fonno della credenza! Ecco, è arrivato il momento de faje capì chi comanna dentro sta casa!

Mettetela sur foco, bello alto, e ce fionnate er guanciale che fate rosolare fino a che non lo vedete bello croccante e dorato.

 

4) A sto punto aprite tutte le sarsicce, ce levate la pelle e le sfragnate bene bene nella pentola insieme ar guanciale. Mo me direte “A nò ma perchè nun potemo usà er macinato che è più semplice, senza che lo aprimo e se sbattemo a sfragnallo co le mano?” e io ve risponno che dovete usà ste cazzo de sarsicce mannaggia ar sangue de Giuda, perchè c’hanno na lavorazione diversa, un sapore diverso e l’anima de li mortacci vostra nun me dovete contraddì!

 

 

5)Quanno vedete che pure la sarsiccia ha preso na bella colorazione e sur fonno della pentola ce sta armeno un litro e mezzo de sugna lo sfumate veloce con un bicchiere de vino rosso scarsone e lo fate sfumà pe un paio de minuti a foco basso.

 

6) A sto punto è il momento de aggiunge pure la passata, quella grezza, che aggiusterete con un poco de sale e un pizzico de zucchero pe toje n’eventuale acidità.

 

7)Mentre aspetate che la passata se ritirà, e ce vole armeno na mezzora, voi piate i fagioli e ne separate armeno un terzo de quelli che avete, sta piccola parte la dovete frullà o per lo meno spappolà in qualche modo, aggiungendo un filo d’olio d’oliva. Questo aiuterà a dare na certa cremosità a sta ricetta che così arriva a sfiorà i limiti della perfezione.

 

8)Ritirato il sugo e frullati i fagioli è arrivato finalmente il momento de unire tutto nella nostra mitica pentolona e con la cucchiara più logora che avete dovete mescolà sto ben diddio per un quarto d’ora bono, co l’aggiunta a piacere de na bella manciata de pepe nero.

 

Finarmente sto mostro proteico è pronto a esse sfidato, quindi co la cucchiara con cui l’avete preparata in una mano, un ciocco de pane strappato a mani nude dar filone nell’altra, cartone cor San Crispino rimanente a portata de mano pe buttà giù er boccone preparateve ad affrontà sta sfida come solo il mio buon vecchio Terence sa fare.

Buon appetito Stronzi!