Oggi, belli de nonna, vi parleremo di un piatto che domina nelle cucine dei tipici ristoranti da 10 euri menù no limits all’italiana, un piatto che pe voi dev’esse ‘n campanello d’allarme quanno annate pe ristoranti a recensì su trip advisor sentendove grandi chef de sta ciolla: stiamo parlando delle verdure gratinate!!

Un piatto che è na merda solo a sentillo nominà, un offesa al buon gusto, la celebrazione di una carriera fallita per qualunque cuoco, insomma, il male puro e gratinato! Nonostante ciò, questo piatto può essere rivalutato. Infatti, se cucinato con cura e ammore e utilizzato nelle giuste circostanze, può risultare un asso nella manica che mica cazzi! Versatile e semplicissima, sta ricetta la potete ‘nfilà praticamente ovunque (tranne nei ristoranti tacci loro), sia a casa vostra quanno arivate a fine mese che nun c’avete più na lira manco pe piagne, che alle cene in famiglia che nun ve volete sbatte troppo pe quei quattro parenti serpenti che magari ce se strozzeno! Quindi le nonnine sono qui per questo, per insegnarvi a piglià sta ricetta quasi offensiva e trasformalla nella vostra carta vincente insegnandove a cucinà le migliori verdure gratinate della vostra infelice vita! 🙂
Quindi miei bei ragazzi andiamo subito subito a infognacce co sta nuova ricetta iniziando co i classici, le verdure che spadroneggiano l’ambiente della gratinatura, quelle che guardano le altre dall’alto in basso:
– Peperone
– Zucchina piccolina
– Patata
– Pangrattato
– Olio e.v.o. (extra vergine d’oliva, ve lo scrivo per esteso che tanto lo so che sete ignoranti come la zappa che ho nello stanzino)
– Origano, rosmarino, pepe nero e prezzemolo tutto q.b.

 

1) Prendete le verdure, mondatele a dovere ( ve consijamo de usà un tutorial su youtubbe che tanto lo so che nun sapete manco che vordì “mondare”) e lavatele come cristo comanda con tanta acqua corrente
2) Cercate de tajalle tutte della stessa misura! Stamo a parlà de taji facili facili eh, roba che ce la fa mi nipote de otto mesi e mezzo cor pongo a fa un lavoro decente. 
La zucchina me la tajate pe lungo,er peperone pure facendo delle striscette non troppo grezze ma manco a fiammifero pe capisse, e le patate a rondelle dello spessore de un centimetro circa.
3) Piate er pangrattato e lo separate in tre porzioni abbastanza uguali fra loro e ogni porzioncina la mischierete con diversi aromi, noi ve suggerimo de buttacce l’origano e prezzemolo pe er peperone, er rosmarino pélle zucchine e er pepe nero pe le patate ma poi potete pure mettece mpo quello che cazzo ve pare.

 

 

4) Fionnate st’intrujo sulle verdurine belle tajate e disposte su di una pirofila che dovrete prima coprire con della carta forno, e infine concludete con una bella ciaffata de olio evo, che se Dio vole c’avete la capoccia de usà quello bono e nun mannate tutto sto piatto a puttane usando un olio giallognolo che ariva dall’Ucraina.
5) Ner tanto fate scallà er forno fino a ducento gradi e quanno è pronto ce ficcate sto bendiddio che ormai je manca solo da esse cotto. Ce lo tenete na ventina de minuti co un forno ventilato o pure na mezzora bona in caso de forno statico se sete attaccati alle vecchie abbitudini o nun c’avete li sordi da buttà pe ‘n forno novo da Vissani de sto cazzo!

Prima da tiralle fori controllate co no stuzzicadenti la morbidezza, anche si tanto o so che le carbonizzate quinni manco ce n’è bisogno e potete direttamente buttà tutto!
Pe quei quattro cinque eletti che invece so riusciti a nun mannà sprecate le fatiche de na pora vecchia, godeteve un contorno co li controcazzi, o se siete dei cuochi falliti ve la potete rivende in qualche ristorante malandato prima da fa er nodo alla corda e conclude sto fallimento che ve ostinate a chiamà “vita”.
Detto ciò ve saluto e ve faccio i nostri più sentiti auguri da strozzavvece co st’urtima ricetta.
Buon appetito stronzi!