PASTA ZUCCHINE E MOZZARELLA

Buongiorno giovinotti belli! Che se magnamo oggi? Dato che se semo svejate in vena de nun fa na ceppa, ci rivolgiamo a chi è del nostro stesso umore e quindi d’anventasse robba complicata nun je va, de scenne a fa la spesa nemmanco e peccarità de dio nun je parlate d’annà a piasse mpezzo de pizza che da interaggì oggi è mejo na cortellata sur costato destro! Oggi magnamo semplice e veloce, che sotto certi aspetti potremmo quasi definì leggero e sano, oggi se preparamo la PASTA CO ZUCCHINE E MOZZARELLA! Proponiamo le dosi pe una sola persona perchè questo è mpiatto che ve dovete vergognà de proporlo a quarcun’antro pe quanto è facile, vo dovete magnà nell’intimità della solitudine che ve portate ne l’anima!  Annamo a vede quali so l’ingredienti per sto piatto ricco de salute:
– 120g de pasta corta
– 2 zucchine belle ciaciotte
– 2 mozzarelle
– Uno scalognetto
– Olio q.b.
– Pepe q.b.
– Pecorino na cifra
 

1) Se sete regazzi sveji ormai dovreste pure intuillo sto primo passaggio, ma dato che lo so che nun lo sete v’o continuo a ripete finchè nun ve mparate: mettete su l’acqua che c’avemo fame e da perde tempo popo nun ce va!
2) Tajate lo scalogno come mejo potete (un giorno le nonnine ve sveleranno i segreti dei taji, non disperate) e fatelo rosolare con un abbondante filo d’olio, EVO m’araccomanno!
3) Ner mentre, sempre tenendo d’occhio lo scalogno, anche se lo so che voi cucinate guardando le farfalle manco foste e principesse disnei, tajate le zucchine prima in quattro parti pe la lunghezza e poi a pezzetini, ‘nsomma a quartini ma qua ‘gni vorta pe spiegavve e cose più semplici tocca spenne mezzo calamaio!


4) Quanno lo scalogno comincia a pià mpo’ de colore ce fionnate le zucchine e ‘n goccio d’acqua, arzate la fiamma a stecca e cominciate a spadellà  così che ottenemo delle zucchine non sbruciacchiate ma belle saporite, che le zucchine lesse fanno schifo a tutti, e chi le cucina fa ancora più schifo!


5) Quanno so pronte, questione de minuti, spengete er foco e tenetele su un fornello spento e occupateve de qua puttana d’a mozzarella, che tutto je se po’ di ma non che non sia na gran puttana! Questa pure me la tajate rapida, a pezzettini, nun me fate l’ossessivi da falli tutti uguali tanto poi se sciorgono! L’importante è che so piccoli così s’amargameno mejo e prima soprattutto!


6) Dato che sto piattino pe arcuni po risurtà poco calorico, potete ammazzà l’attesa della cottura della pasta co na bella sarsiccetta de cinghiale da sbranavve co tutta la buccia, perchè se la buccetta nun te rimane ‘ncastrata fra i denti che cazzo te la magni a fa a sarsiccia!? E accompagnatela co m’ber tocco de pane casareccio pe mannà giù sta delizia.
6) Ormai la pasta a da esse pronta! Scolatela ar dente li mortanguerieri, che se c’è quarcosa ar mondo che fa più schifo delle zucchine lesse so solo i laziali e la pasta scotta!!
7) Mettete nella pentola co le zucchine e ce fionnate subito subito er mozzarellone a cubetti e un mestolino de acqua de cottura!


8) Mo inizia er dito ar culo: dovete fa impastà bene qu’a puttana d’a mozzarella co la pasta che sennò ve se crea er blocco fuso ar centro e la pasta nun pia un cazzo! Dovete spadellà come mai in vita vostra! Qui ne va della vita o la morte de sto piatto! Quinni foco arto e spadellate, spadellate e spadellate! Ve giuro ragazzotti belli delle nonnine vostre che è solo na questione de perseveranza! All’inizio ve parrà na merda ma non disperate! Je dovete da er tempo, continuate a girà cor mestolo e a spadellà, nun ve perdete d’animo su, porca troia!! Qua se vede er valore de ‘n vero guerriero!

E a na certa fermi tutti! Vedrete na magia: sta mappazza mozzarellosa comincerà a filare, con fili sempre più piccoli e si espanderà, si espanderà in tutta la padella avvolgendo la pasta come na ragnatela d’amore caseario! Ve se riempirà er cuore de gioia e amore verso er prossimo, sarete spinti a fare beneficenza e abbracciare il primo che passa per strada, roba che manco l’ecstasy. E ‘nvece no! questo è il momento! Qua troia laida de la mozzarella si è aperta, è vulnerabile! Ed è proprio mo che è più debole che voi la dovete schiaccià! Ve dovete imporre su de lei come la monarchia su un povero popolo de contadini, innondandola de pecorino così da separarla e fare si che non sammappazi più sta stronza!

9) Mo che avete affrontato st’odiessea culinaria, se ne sete usciti vivi e illesi, ve potete asciugà er sudore e, con fare spavaldo, cospargete er tutto  de pepe nero in segno de vittoria.

 

A sto punto nun ve resta che assartà sto piatto, godevvelo e facce sape che ne pensate!
Buon appetito stronzi!