Category: Attualità

Stefano Cucchi non è morto invano…

Non è affatto facile mantenere un atteggiamento distaccato quando  si partecipa  ad un evento che rievoca una vicenda drammatica quale è stata quella vissuta dalla famiglia di Stefano Cucchi. Si crede, e a torto, che appartenga esclusivamente alla sola famiglia coinvolta, invece quella di Stefano Cucchi è una vicenda che appartiene a tutti noi, al nostro intero paese; non possiamo girare la testa  e restare indifferenti. PRESENTAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE STEFANO CUCCHI – Onlus presso la Città dell’altra economia di Testaccio – sabato 18 febbraio 2017 Erano presenti i familiari di Stefano, la madre , il padre e la sorella Ilaria,...

Read More

Il giorno in cui gli USA rimasero senza immigrati

Nel film “Cose dell’altro mondo” Diego Abatantuono, industriale razzista del nord Italia, vede realizzarsi il suo sogno: l’Italia libera dagli stranieri. Naturalmente la cosa si ritorce contro di lui e contro i suoi connazionali, che vedono sparire i lavoratori dalle fabbriche e i vari collaboratori domestici che rendevano la vita più facile. Il film è liberamente ispirato a “A Day Without a Mexican”, opera del regista Sergio Arau ambientata in California. Qui a sparire a causa di un misterioso fatto soprannaturale sono i messicani, che svolgono nell’economia californiana un ruolo importante, come il film non ha difficoltà a dimostrare....

Read More

Do not forget, remember and warn…

Sembrava dovesse scomparire nelle nebbie di un tempo più buio e più diviso, invece il nazionalismo è tornato più forte, diverso, più strutturato ad incidere sulle politiche nazionali, europee e, con la recente inaugurazione del primo mandato Trump, mondiali. Il concetto di nazionalismo è stato bistrattato e modificato nel tempo da varie formazioni politiche e sociali, come anche dai media, che hanno usato questo termine spesso senza attinenza al suo vero significato. Possiamo andare sul sicuro nel dire che per esservi un nazionalismo deve esserci un’identità nazionale, se non una nazione vera e propria; ma quali sono gli elementi...

Read More

Pubblicare un libro in Italia è quasi impossibile

Una volta il crampo dello scrittore era il dolore più grande degli autori. Ma in tempi moderni questo malessere è stato superato da una sofferenza più lancinante per loro; l’orgoglio ferito. Questa umiliazione arriva da chi un tempo rappresentava il riparo e la madre di chi componeva novelle e romanzi: le case editrici, ree di pubblicare le opere di loro “colleghi”  meno dotati nello scrivere ma più famosi. Come: calciatori, tronisti, politici populisti e perfino soggetti poco raccomandabili saliti alla ribalta come protagonisti della cronaca nera. Così l’ultimo sussulto d’orgoglio verso il mondo da parte di chi odia mettersi...

Read More